Se l’Italia perde capacità competitiva

Se l’Italia perde capacità competitiva

Nello sfruttamento dienergia idroelettrica, l’Italia ha tutte le potenzialità e l’esperienza per diventare un modello da seguire: dai grandi impianti a serbatoio ai piccoli impianti ad acqua fluente e a quelli a coclea per i salti più bassi. Ci arrovelliamo sul problema “incentivi sì o incentivi no” senza sviluppare filiere industriali che guardino al futuro e senza riflettere su quello che stanno facendo i paesi emergenti che dedicano ingenti risorse alla produzione di energia rinnovabile. Pechino si è impegnata a fermare la crescita delle sue emissioni entro il 2030 e a portare al 20% la quota di rinnovabili nel proprio mix energetico. La visione non tanto industriale quanto ecologica di sopravvivenza che si trasforma con il tempo in vantaggio competitivo, si sta imponendo sempre di più come un principio da seguire: la mia energia non deve danneggiare gli altri. Negli ulti...

10/06/2015
X
- Enter Your Location -
- or -